La Crimea proclama l’indipendenza, L’Ucraina mobilita l’esercito – The Crimea declares independence, Ukraine mobilizes the army

Plebiscito alle urne:96,77%. Ue e Usa attaccano: atto illegale, sanzioni in arrivo. Russia: possibile regime fiscale agevolato. Nazionalizzati i beni ucraini.

Ufficializzati i dati definitivi del referendum sulla riunificazione alla Russia (96,77% di sì), il parlamento ha proclamato la Repubblica di Crimea come Stato sovrano indipendente nel quale la città di Sebastopoli ha uno status particolare. A favore 85 deputati.

Nella dichiarazione, pubblicata sul sito del parlamento, si legge che contestualmente si è deciso di nazionalizzare le proprietà statali ucraine situate in Crimea e di adottare il rublo come moneta nazionale.

LA REAZIONE DI MOSCA

Mosca muove intanto i primi passi per l’annessione. La Duma, la “camera bassa” del Parlamento, adotterà rapidamente un atto che autorizza la Crimea ad unirsi alla Russia. «I risultati del voto in Crimea mostrano chiaramente che gli abitanti vogliono il loro futuro solamente in seno alla Russia. Gli abitanti hanno votato per la riunificazione del popolo, con il quale hanno sempre vissuto insieme», ha detto il vicepresidente della Camera, Serghei Neverov.

Dura la reazione dell’Ucraina il cui parlamento ha approvato la mobilitazione parziale dell’esercito con 40.000 riservisti. E il ministro della Difesa ucraino Igor Teniukh ha spiegato che i militari ucraini resteranno in Crimea nonostante il referendum di ieri.

KIEV: UNA FARSA

Duro il commento del presidente ucraino ad interim, Oleksandr Turchynov, che ha liquidato il referendum come «una grande farsa». Parlando in Parlamento, Oleksandr Turchynov, ha condannato «la prolungata aggressione in Crimea che la Russia -ha detto- sta tentando di nascondere con questa grande farsa che loro chiamano “referendum” e che non sarà mai riconosciuto né dall’Ucraina né dal mondo civilizzato». Il presidente ha dunque invitato i deputati a dare il “via libera” alla parziale mobilitazione delle truppe ucraine.

MOSCA AL LAVORO PER L’ANNESSIONE

Il ministero delle Finanze russo ha invece fatto sapere che Mosca potrebbe offrire un regime fiscale speciale. «Senza dubbio la probabile annessione della Crimea alla Russia avrà un forte impatto», ha detto il vice ministro delle Finanze, Serghei Shatalov in una conferenza. «Non escludo un regime fiscale speciale (durante il periodo di transizione della Crimea)», ha aggiunto, senza fornire ulteriori dettagli.

SANZIONI IN ARRIVO

Intanto Ue e Usa, che hanno definito il referendum illegale, non stanno a guardare. Oggi a Bruxelles si riunisce il vertice che dovrà decidere sulle sanzioni. Catherine Ashton arrivando nella sede del Consiglio stamane ha ribadito che i ministri degli esteri europei valuteranno «ulteriori» azioni dopo il «cosiddetto referendum» in Crimea, visto il quale «non si può far finta di niente» ma «ci deve essere una risposta» e sarà quindi «mandato il segnale più forte possibile» alla Russia. «Facciamo di nuovo appello alla Russia ad intraprendere il dialogo con le autorità ucraine e ad impegnarsi nelle de-escalation», ha aggiunto Ashton sottolineando da una parte «non si constatano» segnali di distensione, dall’altra che «l’Ucraina vuole avere buoni rapporti con la Russia, così come li vogliono avere l’Unione europea ed il resto del mondo».

I top manager delle compagnie energetiche statali russe, Gazprom e Rosneft sono già entrati nella lista nera di 130 alti funzionari e capi di società pubbliche, redatta dall’Unione Europea in vista delle misure contro Mosca. Secondo fonti del quotidiano Kommersant nella diplomazia europea e statunitense, i nomi nella blacklist potrebbero vedersi congelati i loro asset e vietato l’ingresso nell’Ue. Tra questi, scrive oggi il quotidiano, compaiono due top manager come Alexei Miller, numero uno di Gazprom, e Serghei Sechin, a capo di Rosneft e fedelissimo di Vladimir Putin. Non è chiaro, per ora, quando e con quale modalità verranno applicate tali restrizioni. Secondo il giornale, le sanzioni così studiate mirerebbero a Sechin e Miller come singoli individui e solo in un secondo momento potrebbero estendersi e colpire anche i progetti all’estero delle rispettive compagnie. Il portavoce di Gazprom ha dichiarato a Kommersant che il divieto di viaggiare in Europa per Miller, «aiuterebbe solo le compagnie aeree europee, perché i partner voleranno da noi».

LE REAZIONI DELLE BORSE

Le vicende ucraine hanno ripercussioni anche sulle Borse europee. Alla preoccupazione della Borsa di Tokyo per l’esito del referendum in Crimea fa da contraltare l’entusiasmo della piazza di Mosca con l’indice Micex che guadagna oltre l’1%. Nelle sedute precedenti il voto nella regione dell’Ucraina, la piazza finanziaria moscovita aveva registrato pesanti perdite per i timori di sanzioni economiche dell’Occidente in caso di annessione della Crimea. Dall’inizio dell’anno sul mercato dei cambi il rublo ha perso il 12% nei confronti dell’euro.

#escidallagabbia

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Plebiscite turnout: 96.77%. EU and U.S. attack: illegal act, sanctions coming. Russia: possible favorable tax regime. Nationalized goods Ukrainian.

Formalized the final data of the referendum on the reunification of Russia ( 96.77 % yes ) , the parliament proclaimed the Republic of Crimea as a sovereign independent state in which the city of Sevastopol has a special status . In favor of 85 deputies.
In the statement, published on the website of the parliament, it is stated that at the same time it was decided to nationalize the property located in the Crimea and the Ukrainian government to adopt the ruble as its currency.

THE REACTION OF MOSCOW

Moscow, meanwhile, moves the first steps for the annexation . The State Duma , the ” lower house ” of Parliament, quickly adopt an act authorizing the Crimea to join Russia. “The results of the vote in the Crimea clearly show that residents want their future only within the Russian Federation . The people who voted for the reunification of the people with whom they have always lived together, ” said the vice president of the Chamber , Sergei Neverov .
Dura reaction Ukraine whose parliament has approved the partial mobilization of the army with 40,000 reservists . And the Minister of Defense of Ukraine Igor Teniukh explained that the Ukrainian military will remain in Crimea despite yesterday’s referendum .

KIEV : A FARCE

Harder said Ukrainian President ad interim , Oleksandr Turchynov , who dismissed the referendum as “a big farce .” Speaking in parliament , Oleksandr Turchynov , condemned ” the continued aggression in the Crimea and Russia – said – are trying to hide with this great farce they call” referendum ” and that will never be recognized neither Ukraine nor from the civilized world “. The President then invited the Members to give the ” green light” to the partial mobilization of the Ukrainian troops .

MOSCOW TO WORK FOR THE ANNEXATION

The Russian Ministry of Finance has instead made ​​it clear that Moscow could offer a special tax regime . “No doubt the probable annexation of Crimea to Russia will have a strong impact ,” said Deputy Finance Minister Sergei Shatalov at a news conference . ” I do not exclude a special tax regime (during the transition period of the Crimea ) ,” he added, without giving further details .

SANCTIONS ON ARRIVAL

Meanwhile, the EU and U.S., which have defined the referendum illegal, are not watching . Today in Brussels meets the summit that will have to decide on sanctions. Catherine Ashton coming in the Council this morning reiterated that EU foreign ministers will consider ” additional ” actions after the ” so-called referendum” in Crimea , given that “we can not pretend nothing happened ” but ” there must be a response » and will therefore be “sent the strongest signal possible” to Russia. ” We again call on Russia to engage in dialogue with the Ukrainian authorities and to engage in de -escalation ,” added Ashton emphasizing on the one hand “there can be observed ” signs of easing , on the other hand that ” Ukraine wants to have good relations with Russia , as they want to have the European Union and the rest of the world. ”
The top managers of Russian state energy companies , Gazprom and Rosneft are already entered in the blacklist of 130 senior officials and heads of public companies , drawn up by the European Union in view of the measures against Moscow. According to sources, the Kommersant newspaper in the U.S. and European diplomacy , the names on the blacklist could find themselves frozen their assets and banned from entering the EU. Among them, the newspaper writes today , there are two top managers as Alexei Miller , the head of Gazprom , and Serghei Sechin , head of Rosneft and loyalist Vladimir Putin. It is not clear , for now, when and with what modalities will apply such restrictions. According to the newspaper , the penalties would aim at Sechin and Miller studied as individuals and only at a later date could be extended and also affect the overseas projects of their respective companies . The Gazprom spokesman told Kommersant that the ban on travel to Europe for Miller, ” would help only European airlines , because the partners will fly from us.”

REACTIONS OF BAGS

The history of Ukraine have repercussions on European stock exchanges. The concern of the Tokyo Stock Exchange for the outcome of the referendum in the Crimea is in contrast to the enthusiasm of the square of Moscow with the index Micex who earns more than 1% . In the sessions prior to the vote in the region of Ukraine , the financial center of Moscow had recorded heavy losses on fears of Western economic sanctions in the event of annexation of the Crimea. Since the beginning of the foreign exchange market the ruble has lost 12% against the euro.

#escidallagabbia

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...